unitiperbarolo.it
ELEZIONI COMUNALI
25 MAGGIO 2014 BAROLO
Chi siamoIl nostro programmaContatti

unitiperbarolo.it

VITTORIO MANGANELLI
Il nostro candidato sindaco

Vittorio Manganelli

Vittorio Manganelli, nato ad Alba (CN) il 7 maggio 1950, residente a Torino, laureato in Lettere indirizzo Storico, presso l’Università degli studi di Torino.

“Sono un appassionato delle Langhe, e ho manifestato la mia disponibilità a trasferirmi a Barolo. Bibliotecario per vent’anni, ho ricoperto il ruolo di dirigente di settori culturali della Città di Torino a partire dal 1990. Nel 2002, ho lasciato l’incarico di direttore di Circoscrizione della Città di Torino per passare alla costruzione dell’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo, di cui sono stato direttore sino al 2007, anno del mio pensionamento.
Storico collaboratore di Vini d’Italia, ho partecipato alla realizzazione di varie edizioni relative al mondo del vino, tra cui l’Atlante delle vigne di Langa, I segreti del bere bene, ed il capitolo Storia del vino: produzione e consumo, all’interno dell’enciclopedia La cultura italiana pubblicata da UTET nel 2009”
.


Chi siamo

Achille Barberis, nato ad Asti il 28 maggio 1971 è residente a Barolo dal 1984; è diplomato come analista contabile, ed è sposato con due figli.

“Sono stato impiegato alla “Molino Alba” dal 1993 al 1996, e quindi presso le “Cantine Marchesi di Barolo” dal 1996 al 1999. Dal 2000 sono Amministratore Delegato della “Molino Gaiero” di Dogliani”; negli anni '90 ho fatto parte della Pro Loco di Barolo, e successivamente sono stato membro del Consiglio Direttivo del "Centro Ricreativo G. Pira". Mi sono trasferito in Vergne dal 2008, e mi propongo come "portavoce" dei problemi e delle necessità della mia frazione”.

Cecilia Pati, nata a Loreto (AN) il 17 agosto 1969 risiede a Barolo da trent’anni; ha un diploma di analista contabile, ed è sposata con due figlie.

“Gestisco un B&B a Barolo e sono impiegata presso uno Studio Legale di Alba dal 1999, negli ultimi due anni sono una rappresentante nel Comitato Mensa della Scuola di Barolo”.

Enzo Brezza, nato ad Alba l’8 luglio 1969 è sposato con un figlio. Diplomato alla scuola Enologica di Alba nel 1989, ha successivamente conseguito il titolo di Enologo presso l’Università degli Studi di Torino (Facoltà di Agraria).

“Sono stato Presidente dell’Albeisa (Unione Produttori Vini Albesi) dal 2009 al 2012, e ne sono attualmente un Consigliere. Faccio parte del Comitato di Presidenza del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero, e nell’ambito del Comune di Barolo sono nel Consiglio di Amministrazione del Consorzio delle Strade Vicinali. Mi occupo della gestione dell’Azienda Agricola Brezza G. & Figli, di proprietà della mia famiglia. Nel mio comune vorrei in particolare dedicarmi alle questioni ambientali ed agricole”..

Daniela Viberti, nata ad Alba l’8 agosto del 1966; ha un diploma di perito aziendale e corrispondente in lingue estere e una laurea in Giurisprudenza, ed è sposata con tre figlie.

“Vivo a Barolo dal ’94, anno in cui mi sono sposata con Giorgio Boschis. Ho tre figlie: Beatrice, Elena e Vittoria Ida. Sono diplomata perito aziendale e corrispondente in lingue estere e laureata in Giurisprudenza, presso l’Università degli Studi di Torino.
Da ragazza, durante gli studi, aiutavo i miei genitori nella gestione del bar di famiglia e facevo la guida turistica. Ho sempre privilegiato un lavoro a contatto con le persone: presso l’azienda Vestebene mi sono occupata di selezione del personale. Ho sempre avuto una buona predisposizione per le lingue straniere.
Dal 1994 ho lavorato nel settore turistico in qualità di responsabile del Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero e successivamente di direttore tecnico del tour operator collegato al Consorzio. Dal 2007 al 2009 ho lavorato presso l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour.
Dal 2010, con mio marito Giorgio, ho affiancato mia cognata Chiara Boschis nell’azienda vitivinicola E. Pira di Barolo. Ho pensato di dare il mio contributo a questo gruppo di persone che ha deciso, con coraggio, di mettersi in gioco per Barolo e per il suo territorio. Ritengo molto importante individuare e promuovere iniziative a tutela dell’ambiente e del paesaggio e a favore di uno sviluppo sostenibile del nostro paese e della sua immagine.
Sono molto contenta che attorno a noi vi siano numerosi concittadini impegnati nella sfida di dare a Barolo una svolta dinamica e innovatrice”.
.

Ferruccio Barberis, ha 52 anni e risiede a Barolo, paese in cui ha abitato quasi tutta la vita. E’ sposato ed ha tre figli, e presto diventerà nonno.

“Ho conseguito il diploma di perito metalmeccanico e lavoro da molto tempo nel settore degli autotrasporti. Ho collaborato per il Comune di Barolo per 3 anni come autista dello scuolabus, e da circa 10 anni sono segretario del gruppo alpini del paese. Nel tempo libero amo dedicarmi all’orto e al giardinaggio, alla montagna ed agli amici”.

Luisella Bussolino, è nata ad Asti il 14 maggio 1961 e risiede a Barolo da oltre 20 anni. E’ mamma di Ilaria, nata dal matrimonio con Marco che è anche suo socio nell’attività albese di arredamenti.

“Sono socievole e comunicativa, due caratteristiche che si associano bene al vino Barolo, prodotto principe del nostro territorio; mi auguro di avere l’opportunità di dare una ventata di novità e freschezza al mio paese”.

Giovanni Canonica, nato a Barolo il 10 ottobre 1960, è sposato ed ha una figlia.

“Mi sono diplomato alla scuola Enologica di Alba, e sono un produttore di vino. Oltre alla mia cantina gestisco con la mia famiglia un agriturismo nel paese di Barolo, ed in passato ho preso parte all’attività educativa nel gruppo Scout barolese”.

Marta Rinaldi, nata a Cuneo il 29 agosto 1985 abita a Barolo, si è diplomata alla Scuola Enologica di Alba, ed ha in seguito conseguito la laurea in Viticoltura ed Enologia (Università di Torino).

“Lavoro a tempo pieno nell’azienda vitivinicola di famiglia, dedicandomi all’attività produttiva e commerciale. Sono stata membro del consiglio del Consorzio di Tutela e dell’Enoteca Regionale del Barolo; e negli ultimi due anni volontaria nell’accoglienza artisti dell’evento “Collisioni”. Vorrei impegnarmi per il mio paese, e veder accrescere lo spirito di scambio e condivisione tra i barolesi, anche per alimentare tra i giovani il legame a questo territorio”.